††MEGADROPWWW††

E mentre si discute in modo ben poco interessante di come fare/non fare il Festival di Sanremo, in attesa che qualcuno pensi finalmente “ai bambini”, ci ritroviamo qui, settimana dopo settimana, a pescare il meglio della nostra navigazione su soundcloud. Oggi c’è veramente di tutto, tipo cover versioni tristi che spaccano, esperimenti drill di brani decisamente famosi e molto altro, fatto in cameretta o in studio, insomma, la solita ventata d’aria fresca che viene seguite da tutto il sistema musicale che prima o poi metterà questi giovani sotto contratto e farà di loro dei personaggi spendibili durante gli aperitivi (ah, quando si potrà fare gli aperitivi…). Il gioco è sempre lo stesso, prendetevi la vostra oretta di svago e ascoltatevi le nostre 25 proposte, poi andate a seguirle, troverete anche dell’altro che vi farà stare bene. Benvenuto internet, benvenuto www, finalmente megadroppata.

☻BANDCAMP TAPE.02☻

Questa volta il meglio abbiamo dovuto cercarlo di notte, perchè non eravamo in grande forma ultimamente e tutto questo è stato un prezioso aiuto per curare le ansie di un tempo che non si può definire, difficile da raccontare e ancor più strano da vivere. Piangersi addosso non serve a nulla, attendere sì, farlo invece con questi dischi rende il tutto molto più costruttivo. Coraggio è ora di supportare un pò di progetti nuovi, indipendenti e trasversali.

††MEGADROPSHIT††

Purtroppo abbiamo una valanga di materiale arretrato per non pubblicarlo in questa playlist; spaventati dall’odore della primavera, in queste giornate fredde e aride, chiusi nelle nostre case, il meglio di soundcloud lo trovate sempre qui, spesso e volentieri. Oggi ci sono 25 protagonisti, che dovete cliccare, scoprire, sostenere e pensare in ottica futura: qui passa la rivoluzione e voi non potete rimanere indietro. C’è di tutto, dal lo-fi al power rap, passando per emo/trap e rock’n’roll, il tutto condito da questa magnifica attitudine del chi – cazzo – se – ne – frega. Ci sono troppi validi motivi per ascoltare tutto ciò e perdere almeno 1 oretta della vostra giornata, tanto lo sapete che non potete sfuggire al richiamo di questa forza della natura.


††MEGADROP†† è un nuovo percorso che abbiamo creato con la naturale esigenza di condividere e ascoltare nuove proposte, la copertina è di @livialbanese, se avete voglia, proponeteci le vostre canzoni su info@collettivohmcf.com la pubblicazione è gratuita, non chiediamo soldi e non vendiamo un cazzo di niente. Fate voi.

☻BANDCAMP TAPE.01☻

Nemmeno il tempo di leggere tutti i resoconti personali delle persone digitalmente (con relativi e noiosi buoni propositi) che ci tocca essere di nuovo qui a farvi sentire tutto il meglio firmato 2021 dal nostro spacciatore ufficiale di musica – fatta – in – un – certo – modo. Chissà, è forse questo il primo segnale di una ripartenza culturale anche per noi altri? O solamente un fuoco di paglia da inizio anno? Niente, non si può sapere la risposta alla domanda fondamentale per le sorti della nostra vita, quindi meglio così, nel frattempo invece ci sono realtà che macinano dei piccoli capolavori e vanno supportate per davvero, perché sì, questa è la base fondamentale per ricostruirsi. 

††MEGADROP2021††

Senza dover aspettare chissà quale distribuzione o strategia promozionale, soundcloud ci regala il meglio ogni 24 ore in pratica. La mole di produzioni artistiche che si aggirano nel sottosuolo è da leccarsi i baffi, noi invece nelle ultime due settimane abbiamo praticamente ascoltato tutto ciò che ci veniva proposto, per correlati, algoritmi casuali o semplicemente perché la copertina non era poi così male. Abbiamo quindi raccolto tutto nel nostro solito percorso, che si chiama ††MEGADROP†† e sta funzionando parecchio perché è davvero una porta verso il futuro e priva di compromessi. La tendenza è sempre la stessa, il richiamo al punk è una costante, la trap si sta evolvendo e qualcuno cerca anche di tornare al vecchio hip hop. Chitarre e band alternative sono pregate di prendere nota, anche qui, soprattutto qui, si sta facendo la rivoluzione e bisogna correre per esserne testimoni. Iniziamo l’anno dove l’avevamo quasi finito, fidatevi, c’è sicuramente la vostra prossima colonna sonora. 


††MEGADROP†† è un nuovo percorso che abbiamo creato con la naturale esigenza di condividere e ascoltare nuove proposte, la copertina è nostra se avete voglia, proponeteci le vostre canzoni su info@collettivohmcf.com la pubblicazione è gratuita, non chiediamo soldi e non vendiamo un cazzo di niente. Fate voi, sarà un 2021 di merda.

Fatto in casa VOL.2

In questi ultimi mesi abbiamo visto tutto sgretolarsi un pò. Dai sì, non ci giriamo troppo attorno: stare in casa ci ha messo di fronte alla realtà. Abbiamo dovuto guardarci allo specchio, vivere bilanci continui, capire a quale livello di vita siamo arrivati e poi, purtroppo, siamo dovuti andare incontro alle nostre paure, guardare il nostro passato e perdere di vista il percorso che stavamo facendo. Non siamo una generazione semplice e nemmeno così banale, siamo stronzi, un pò arroganti, sicuri di noi, ma di certo non semplici. Stare in casa ci ha costretto a giornate lunghissime che una volta passate son sembrate buttate; qualcuno ha studiato, qualcuno ha lavorato, qualcuno non ha avuto le forze di fare nulla. Non è importante sapere se questo sia giusto o sbagliato, decisivo sarà sfruttare tutto questo per trovare più strade e inventarsi una nuova consapevolezza che in realtà non abbiamo, ma almeno si può fingere. Insomma non sarà uno schermo a salvarci dal silenzio, non sarà una condivisione a salvarci dalla solitudine e non sarà nemmeno la musica a salvarci dal rumore della nostra testa. E allora? Non c’è bisogno di scappare o avere paura, basta non rimanere mai fermi. Muoversi, gettarsi, morire e poi rinascere, dentro a questo sali e scendi delle giornate infinite terminate in un secondo. Fatto in casa è un modo per prendere questo tempo e analizzarlo, respirare e capire, dare un paradossale caos al nostro meticoloso lavoro di comprensione. Per farlo, abbiamo scelto queste 20 canzoni, alcune vi piaceranno, altre no, molte le conoscete, sicuramente se state ancora leggendo a questo punto, dovete perdervi anche voi qui in mezzo fino alla fine.

Nella scoperta abbiamo trovato il caos, nella rinascita il senso di una fine, questa volta per fortuna, abbiamo capito di non restare inermi.


Qui dentro troverete contributi tratti da trasmissione radiofoniche, dirette su YouTube, Instagram, Facebook, Twich ma non solo, anche cover realizzate in casa per questo progetto o addirittura inediti o grandi rarità racchiuse nel hard disk di questi artisti, che per la maggior parte dei casi sono amici e che ci hanno aiutato nel realizzare questa bellissima compilation fatta in casa, negli ultimi mesi.

FREE DOWNLOAD CLICCANDO QUI

BEST OF BANDCAMP 2020

Sarebbe troppo semplice ripescare ciò che abbiamo salvato in questi mesi nei più comuni mezzi di distribuzione musicale; Bandcamp è un concetto che esiste da molto prima di noi e in questi 10 anni ha sempre dato vita a diverse sfumature capaci di accompagnare persone, nelle loro giornate. Sembrerà stupido, ma anche è soprattutto qui che vive non solo l’arte o l’editoria senza compromessi ma quello che sarà il mercato del futuro. Dall’interscambio artistico a questa grande importanza per l’oggetto, in un vero e proprio padiglione digitale dove la musica e ciò che la circonda, ha un valore fondamentale. Si sperimenta certamente, ma si fanno anche i conti per mantenere vive certe realtà, imprescindibili per i cambiamenti futuri. Partendo da ciò, abbiamo voluto raccontarvi il meglio di questo 2020 dalle sfaccettature Italiane su questo portale, e sappiamo che non tutto è in esclusiva e soprattutto, quasi sicuramente, ci dimenticheremo qualcosa.


††MEGADROPPATAXMAS††

È arrivato quel momento del mese in cui vi proponiamo il meglio di ciò che troviamo su soundcloud, visto che siamo pagati per proporlo a un pubblico più vasto in quanto spacciatori di musica alternativa/indipendente/underground ma non punk, perchè non abbiamo abbastanza cultura. Ad ogni modo, la ††MEGADROPPATAXMAS†† – così chiamata perchè siamo durante le vacanze natalizie, oggi vi porta in mondi pazzeschi, dove c’è anche un tributo – fuori – di – testa a Diego Armando Maradona RIP. Insomma, buone festività a tutti, siamo contenti di farvi passare almeno due ore di assoluta follia perchè ci sono delle chicche meravigliose in queste 30 canzoni.


††MEGADROP†† è un nuovo percorso che abbiamo creato con la naturale esigenza di condividere e ascoltare nuove proposte, la copertina è di @lattedisoia se avete voglia, proponeteci le vostre canzoni su info@collettivohmcf.com la pubblicazione è gratuita, non chiediamo soldi e non vendiamo un cazzo di niente. Fate voi, la merda si sta rivoltando al badile.

Gigante – BORAZZO CVLT#14

Il percorso di Gigante potrebbe tranquillamente portarlo a essere uno dei primi artisti avant-pop Italiano; non lo è adesso, forse, però tutto lascia presagire a una mutazione in quella direzione. Sono le scelte nella struttura canzone e i suoni che lo porteranno a essere uno dei pochi artisti indipendenti reali, di quelli che non hanno bisogno d’inseguire niente. Lontani dalle classifiche e sopra ai palchi per sudare, speriamo proprio sia il 2021 l’anno giusto per questo cambiamento, per adesso comunque avanti tutta.

IL BORAZZO CVLT PREVEDE CHE OGNI ARTISTA SI METTA IN CONSOLLE E FACCIA GIRARE 30 MINUTI DI MUSICA IN PODCAST DA ASCOLTARE QUI SOTTO, ED È SOLAMENTE UNA QUESTIONE DI BUON GUSTO.

Quello di Gigante è un sound che si allontana, e non di poco, dall’immaginario sonoro della musica indipendente attuale. Nessuna emulazione o desiderio di accostarsi al filone dell’indie – pop che sta vincendo le classifiche degli ultimi anni. Un’identità precisa, anticonvenzionale per certi versi, che ha determinato una ricerca artistica che supera la classica forma strofa – ritornello.

Garda1990 – BORAZZO CVLT#13

Garda1990 è un coraggioso artista che nel 2020 vuole continuare a fare musica sulla scia dell’emo/core di metà anni 2000. Per molti questa può sempre una sfida impossibile eppure, passo dopo passo, canzone dopo canzone, quando nemmeno ce ne siamo accorti, il raggio di pubblico dell’artista Bolognese cresce sempre di più, per una vera e propria gavetta che non sembra metterli nessun tipo di fretta. Emotivo e instabile ma anche molto coordinato ed elegante, non è mica scontata questa chitarra punk.

IL BORAZZO CVLT PREVEDE CHE OGNI ARTISTA SI METTA IN CONSOLLE E FACCIA GIRARE 30 MINUTI DI MUSICA IN PODCAST DA ASCOLTARE QUI SOTTO, ED È SOLAMENTE UNA QUESTIONE DI BUON GUSTO.

Il progetto solista di Davide Traina, Garda 1990, nasce in un piccolo studio di architettura in Via Marsala a Bologna, nel maggio 2017, un mix di sfumature midwest emo ed esigenza espressiva 90s che ci catapulta sui pianeti The Get Up Kids e Mineral. Durante il marzo 2018, Davide si concentra sulla scrittura e le registrazioni di “Downtown”, il primo disco in uscita a marzo 2019 per le etichette indipendenti Oh! Dear Records, DreaminGorilla Records, E’ Un Brutto Posto Dove Vivere, Tristezza Is The New Felicità. Nel corso dell’estate 2019, dopo una serie di concerti, avvengono due importanti cambiamenti: da una parte entrano ufficialmente nel progetto Lorenzo Atti al basso e Albrecht Kaufmann alla batteria, dall’altra Davide Traina sceglie di passare dalla lingua inglese all’italiano. Il risultato di questa mutazione viene immediatamente messo in pratica creando un vero e proprio power trio emocore con riferimenti postgaze. La formazione entra in studio a Luglio e registra cinque nuovi brani. L’EP che ne esce fuori si intitola “Venti”, vedrà la luce a settembre 2020.

Westfalia – BORAZZO CVLT#12

È così raro trovare un gruppo di persone che sa suonare bene insieme, per giunta all’interno di un genere che troppo spesso viene lasciato ai margini perchè lontano dalle classifiche. Eppure i Westfalia sono dei lupi di mare e sono perfettamente consapevoli della grande occasione che nel 2021 potrà portarli in giro per la penisola ma si spera non solo, questo è un progetto affascinante anche a orecchie estere, più sensibili forse, ma non importa, ci sentiamo fra qualche mese dopo averli sentiti suonare, almeno loro, per davvero (e bene).

IL BORAZZO CVLT PREVEDE CHE OGNI ARTISTA SI METTA IN CONSOLLE E FACCIA GIRARE 30 MINUTI DI MUSICA IN PODCAST DA ASCOLTARE QUI SOTTO, ED È SOLAMENTE UNA QUESTIONE DI BUON GUSTO.

L’avventura dei Westfalia comincia nei locali del centro di Bologna, dove si incontrano David Paulis, Jacopo Moschetto, Vincenzo Destradis, cresciuti a jazz e funk. I tre musicisti sviluppano una nuova visione attraverso diversi esperimenti fino a raggiungere la formazione definitiva con l’ingresso del batterista Enrico Truzzi. I neonati Westfalia si esibiscono in diversi locali, tra cui il Binario69 di Bologna, L’Utopiko di Firenze e La Polveriera di Reggio Emilia, sviluppano progressivamente uno stile sempre più personale. La loro prima live session contiene riarrangiamenti del repertorio internazionale ed un primo originale, a cui ne seguiranno diversi altri, in lingua inglese ed italiana, intrisi di quelle sonorità R&B ed Hip Hop che contraddistinguono il sound del gruppo.

Stèv – BORAZZO CVLT#11

Affascinanti mondi di un territorio lontano, Stèv (che per noi è Stefano) ha viaggiato molto nella sua vita, ma non è una questione di aerei o alberghi in chissà quale paese ma si tratta di coraggio continuo e di scelte non scontate. Sofisticato chirurgo del suono, preciso musicista, grande talento e per fortuna ancora, deve trovare il suo posto nell’universo.

IL BORAZZO CVLT PREVEDE CHE OGNI ARTISTA SI METTA IN CONSOLLE E FACCIA GIRARE 30 MINUTI DI MUSICA IN PODCAST DA ASCOLTARE QUI SOTTO, ED È SOLAMENTE UNA QUESTIONE DI BUON GUSTO.

Stefano is a multi-instrumentalist and producer, with a sound engineering background: he delves deep into the world of sound, intrigued not only by melodies and harmonies but also by its manipulation, constantly working his craft around many shades of modern composition and fresh sonorities while embracing synthesis and computer programming. His live show is a dense performance based on sound processing and on-the-fly rearrangement of studio material, fitting club DJ booths, stages and even theaters.

Benelli – BORAZZO CVLT#10

Fortunatamente il concetto di band non è ancora morto, anzi. Questa è una quasi band di due persone più altre due. Ci sono due mondi che si scontrano e danno un tocco fresco all’immaginario indipendente Italiano, andando a ripescare mood senza tempo miscelandoli con un filo di adrenalina. Il nuovo percorso di Benelli o dei Benelli, o chiamateli come cazzo vi pare, nasce dall’esigenza di trovare una sintesi senza dover limitare niente. Non è musica costruita a tavolino e non inseguirà niente di tutto ciò che va molto di moda adesso. Anacronistico che farà il giro, di stile e parsimonia, indiavolati soprattutto quando il Napoli perde. Ah, dal vivo suonano meglio di tanti, troppi.

IL BORAZZO CVLT PREVEDE CHE OGNI ARTISTA SI METTA IN CONSOLLE E FACCIA GIRARE 30 MINUTI DI MUSICA IN PODCAST DA ASCOLTARE QUI SOTTO, ED È SOLAMENTE UNA QUESTIONE DI BUON GUSTO.

Benelli è un misto di Claudio e Leonardo, colleghi da anni e amici da decenni, che si ritrovano a comporre pezzi nell’estate 2018, sconfortati da una vita di musica che produce risultati, ma anche no. Grossetani di nascita, decidono di trasferirsi a Bologna, il resto bisogna ancora scriverlo perchè serve una nuova biografia ufficiale.

Moci – BORAZZO CVLT#9

Pop giocoso dal retrogusto vintage, Moci è un ragazzo che ci piace perchè nei suoi racconti post-adolescenziali appare uno che non si prende troppo sul serio. Leggerezza che diventa qualità fondamentale nelle sue canzoni, ma attenti a liquidare il tutto così; c’è ricerca musicale, gli arrangimenti non sono mai sterili e le melodie sono al tempo stesso originali ma funzionali. In un mare di pretenziosità, questo percorso resta uno dei più apprezzabili e sinceri. La sincerità ecco, una qualità unica da preservare, che ci auguriamo non venga mai cambiata per nessun motivo al mondo.

IL BORAZZO CVLT PREVEDE CHE OGNI ARTISTA SI METTA IN CONSOLLE E FACCIA GIRARE 30 MINUTI DI MUSICA IN PODCAST DA ASCOLTARE QUI SOTTO, ED È SOLAMENTE UNA QUESTIONE DI BUON GUSTO.

Moci esorcizza i sentimenti più angoscianti e cupi della vita, come la morte, la paura, il dolore attraverso osservazioni profonde e mai banali, ribaltando atmosfere, situazioni e idee. Moci è un cantautore romano classe ’97 che prova a superare il trauma dell’inizio post – adolescenza nel migliore dei modi possibili: non uscendone mai. Nel 2019 pubblica un paio di pezzi e inizia a suonare nei locali cult della capitale, interessando da subito addetti ai lavori e pubblico. In occasione del suo primo live Rockol lo ha definito “la next big thing della scena romana”, nel 2020 punta a conquistare il pubblico anche oltre i confini capitolini. Moci mescola un raffinato gusto per la melodia con una scrittura che è contemporaneamente concreta e astratta.

Marta Tenaglia – BORAZZO CVLT#8

Il progetto musicale di Marta Tenaglia casca perfettamente nel periodo storico che stiamo vivendo in un mix contemporaneo tra musica e testi. Cantautrice ambiziosa senza perdere di vista l’obbiettivo, ha la fortuna di avere una produzione intrigante e una personalità che non si fa minimamente schiacciare da questo connubio che ha la possibilità di diventare esplosivo. Se nel 2020 abbiamo ascoltato poco e scoperto ancor meno, nel 2021 siamo convinti di avere a che fare con un nuovo progetto sulla mappa dei più stimolanti. Ci sentiamo tra un anno, sarà un successo.

IL BORAZZO CVLT PREVEDE CHE OGNI ARTISTA SI METTA IN CONSOLLE E FACCIA GIRARE 30 MINUTI DI MUSICA IN PODCAST DA ASCOLTARE QUI SOTTO, ED È SOLAMENTE UNA QUESTIONE DI BUON GUSTO.

Marta Tenaglia è una cantautrice milanese. Nelle sue canzoni beat vocali morbidi e testi veri, lucidi come specchi. Prima di uscire la sua voce fa il giro largo, perde tempo e scende finché può, per risalire e toccarti con delicatezza, ma senza chiedere il permesso.


1 2 3 4 5 10
Close